Luoghi di culto: proposta costruttiva su numero fedeli in base a metri quadrati

ROMA, 2 MAGGIO 2020 Sen. Domenico Scilipoti Isgrò: “Luoghi di culto: proposta costruttiva su numero fedeli in base a metri quadrati “

” Apprezzo lo sforzo di Governo e Cei ( Conferenza Episcopale Italiana) addivenuti ad un regolamento concordato per la partecipazione alle liturgie esequiali con un numero di 15 persone ( indipendentemente dal celebrante). Tuttavia, in spirito costruttivo di opposizione che deve fare proposte concrete, avanzo questa idea: prendere in considerazione, per le successive celebrazioni, ( messe domenicali, feriali, battesimi, matrimoni) nei luoghi di culto ( anche di qualsivoglia altro credo) il criterio della proporzione tra persona e metri quadrati . In Polonia ad esempio, hanno scelto un modello interessante: una persona per ogni quindici metri quadrati, obbligo di mascherina, distanziamento e guanti. Si potrebbe prendere a paradigma questo modello indicato dalla Kep ( Conferenza Episcopale Polacca) ed accettato dal governo di quella nazione. D’ altro canto, il numero di 15 persone, si presta a questa obiezione. 15 fedeli possono risultare troppi in una chiesetta di campagna, ma pochi e persino sperduti in una cattedrale come San Giovanni in Laterano. Inoltre, estenderei la medesima concessione a qualsiasi altra attività che possa garantire fruizione dei servizi e abbondante distanziamento ed anche per i luoghi dell’arte , dello sport individuale e del tempo libero “. lo dice in una nota il Senatore di Forza Italia e Presidente di Unione Cristiana Domenico Scilipoti Isgrò

Comments are closed.